Parrocchia San Lorenzo Martire

- Diocesi di Frascati -

Catechesi -> La Bibbia, Testo rivelato e ispirato
 

INDICE

1. Perchè il cristiano legge la Bibbia

2. Un evento alla base dell'esperienza religiosa

3. La narrativa, il filo conduttore della Bibbia: in origine era la predicazione

4. Scritture e sacra tradizione come Parola di Dio

5. La Bibbia come testo ispirato

6. I modi di dire di Gesù

7. I modi di fare di Gesù

Tutto il documento in formato Scarica il documento.zip (12 KB ~)

5. La Bibbia come testo ispirato

Partiamo da questo dato di fede: "Dio ha parlato attraverso esseri umani come noi. Egli ha fatto in modo che alcuni uomini e donne dicessero e scrivessero ciò che voleva fosse detto allora. E, inoltre, provvede perché questi scritti, quando furono redatti e raccolti insieme per formare la nostra Bibbia, continuassero ad esprimere ciò che egli voleva dire alle generazioni successive". In questo senso possiamo affermare che la Bibbia è parola di uomini e parola di Dio, il che significa che non è stato Dio a scrivere direttamente la Bibbia, ma uomini da lui ispirati.

Fin dal principio, la Legge fu considerata parola del Signore, perciò normativa e vincolante per il popolo (Es 24, 3-9). In seguito, Dio pone le sue parole sulla bocca dei profeti; essi sono i suoi portavoce (Dt 18,18; Is 6, 6-13), coloro che divorano la sua parola (Ger 15,16). Affinché rimanesse anche per le future generazioni e per evitare il pericolo di perderla, si decise di mettere la parola di Dio per iscritto (Dt 31, 19-26; Is 30, 8; Ger 36). È Dio stesso che lo vuole, la sua sapienza gioisce nell'abitare in mezzo agli uomini e si incarna nel libro sacro (Bar 3, 34 - 4. 1). Inoltre il Nuovo Testamento presenta due citazioni ormai classiche riguardo all'ispirazione (2 Pt 1, 20 -21; 2 Tm 3, 16 - 17) in cui si parla esplicitamente dell'azione dello Spirito di Dio sulla parola scritta.

L'Ispirazione non elimina né sostituisce la piena libertà dello scrittore, la consapevole attività dell'agente umano. Non va inteso come una sorta di dettatura che sarebbe effetto di una discutibile identificazione tra ispirazione divina e rivelazione. Nell'autore umano l'ispirazione divina crea l'abilitazione a essere strumento dinamico di Dio, sicché quell'influsso trascendente si estende all'intelletto, alla volontà e alle facoltà implicate del concepire e scrivere un libro.

Enucleando l'elemento centrale dell'ispirazione, possiamo parlare di Dio autore, egli donò saggezza e ispirazione a un grande poeta come Osea, ad un semplice artigiano del linguaggio come l'autore di alcuni salmi, a grandi narratori come nei libri storici, ai primi apostoli...

La Bibbia non è semplice collezione di scritti, ma un progetto organico. La Bibbia è un'unità cui non manca nessuna parte o elemento.

 

Codice XHTML 1.1 approvato

CSS approvato

© 2001-2019 Parrocchia San Lorenzo Martire - Tutti i diritti sono riservati - Credits